Menu

RADICAL GREZZO – 24 MARZO 2017

- Eventi al Teatro Panettone
RADICAL GREZZO – 24 MARZO 2017

Al via la rassegna Made In Marche giunta alla sua terza edizione. A partire dal 24/3/2017, il palco del teatro Panettone ospiterà sei spettacoli con i quali giovani professionisti marchigiani avranno l’opportunità di mettere in scena le loro passioni, le loro idee e le loro energie per fornire uno spettacolo unico nel suo genere. Sei appuntamenti che avranno come unico obiettivo quello di stupire e rapire il pubblico nelle diverse sfumature delle emozioni che solo il teatro sa dare.
ECCO IL PRIMO:

RADICAL GREZZO

di Piero Massimo Macchini, Paolo Figri, Michele Gallucci e Matteo Berdini
con Piero Massimo Macchini e Michele Gallucci
regia Olivia Macchini

Venerdì 24 Marzo – ore 21:00

INTERO: 10 euro
RIDOTTO (Studenti, Soci Recremisi e over-65): 6 euro

PROMOZIONE ‘6 di Ritorno’: se vieni a Teatro acquistando un biglietto Intero, avrai diritto ad un biglietto Ridotto per uno dei successivi spettacoli della Rassegna 🙂

(clicca qui per prenotare il tuo posto a Teatro)

Piero Massimo Macchini non ci fa. Ci è proprio. Un po’ tonto, un po’ furbo o semplicemente comico. Dopo aver girato il mondo con lo spettacolo di pantomima “Brainstorming, teste nella tempesta”, racconta la sua vita, prima in “Complesso di Edipo in Tour” per la regia di Domenico Lannutti e poi in “ScherziAmo, chi nasce per gioco non può che vivere in allegria” per la regia di Max Giusti.

Oggi, nel suo alter ego più comunicativo, il Provincialotto, sceglie di rivelare al mondo il suo codice etico, sintetizzato perfettamente in due sole parole: radical grezzo. Puro, integrale, non raffinato, ma neanche contaminato.
Stanco della marchigianità da cartolina dichiara guerra a chi si vergogna della propria identità territoriale e abbandona ogni sentimento di pluralismo intellettuale per un sano e moderno bigottismo cosmopolita. Il Provincialotto sente di poter contribuire alla solidità della “cultura media” e alla nascita di una nuova maschera per la commedia dell’arte.
“Siamo proprio sicuri che tutti debbano essere super intelligenti? Istruitissimi? Dobbiamo tutti per forza essere dei geni? Immaginiamo una società in cui la convinzione più diffusa sia di essere culturalmente poco elevati. Credo che saremmo tutti più curiosi e più vogliosi di imparare gli uni dagli altri. Ci sarebbe molta più spontaneità e molto più interscambio sociale. Io voglio essere di cultura media, perché i tanto intelligenti come Mario Tarquini o gli stupidi stupidi come Claudio Sdolzini, il proprietario del bar del Triangolo, hanno rovinato questa povera Italia.”
In un mondo in cui tutti sono opinionisti, tutti sono bravissimi a giudicare, ma nessuno sbaglia mai, il Provincialotto si dissocia con un atto di grande incoerenza. Dichiara con orgoglio e con quel poco di onestà intellettuale che possiede: “Sì, io sono un radical grezzo e affronto tutto, ma proprio tutto con il sorriso sulle labbra”.